Ortesi Plantare

Chiediamo al Dott. Michele De Martinis che dialoga quotidianamente con la prescrizione medica, anche solo per capire esattamente che cosa si voleva ottenere da quella prescrizione e in questo caso dall'ortesi plantare.

Come si inserisce la figura del tecnico ortopedico in questo pool di esperti che devono valutare la postura e gli appoggi del piede?

La figura dell'ortopedico, del fisiatra, del fisioterapista dialogano insieme?

 

"Il medico ortopedico e il fisiatra hanno il primo approccio con il paziente che descrive quelle che sono le sue difficoltà. Dopodiché il medico dà un'indicazione, a volte una prescrizione dettagliata, ma il più delle volte un'indicazione sulla patologia e quello che potrebbe essere il rimedio di questa patologia.

Il paziente viene da noi e si procede a tutta un'analisi di approfondimento di questa patologia per verificare nella quantità cosa vuol dire avere un'obliquità pelvica piuttosto che una dismetria piuttosto che una scoliosi, utilizzando gli strumenti che abbiamo a disposizione per misurare e non solo verificare se c'è un obliquità pelvica, di quanti gradi è questa obliquità pelvica se questa produce o non produce una scoliosi, se produce o non produce un valgismo del ginocchio e via discorrendo.

Quindi misuriamo queste cose e poi di solito l'ortesi che ne consegue tiene conto di tutti questi fenomeni, per cui direi che la realizzazione è pressoché perfetta.

Mi confronto quotidianamente con i medici, anche se a volte alcuni, non tutti per fortuna, hanno la presunzione di indicare nel dettaglio la prescrizione che noi riscontriamo non essere sempre congrua.

In questo caso è d'obbligo per una questione di etica professionale, informare il medico che si procederà probabilmente in un modo diverso.

 

Dott. Michele De Martinis

 

Contatta Ortopedia Orthosanit per avere una consulenza professionale 

 

Articoli correlati (da tag)